Laura Alunni si interroga sul cambiamento nel mondo dell'arte moderna e contemporanea. A patto di non dimenticare.
Sculture moderne - Io non dimentico
Press

Cambiare senza dimenticare. L’arte moderna e contemporanea si mette in gioco.

Ben ritrovati, amanti dell’arte moderna e contemporanea! Oggi vorrei condividere con voi alcune riflessioni sul periodo difficile che stiamo vivendo.

Una fase di incertezza per tutto il mondo dell'arte

Le ultime dichiarazioni degli studiosi della pandemia non lasciano dubbi: non usciremo dall’emergenza prima dell’estate.

È inevitabile che l’universo che ruota attorno all’arte moderna e contemporanea viva una fase di  profonda incertezza: artisti, musei, fondazioni e gallerie si interrogano sul proprio futuro e su come rinnovare un dialogo con i propri fruitori.

Scultura arte modena - Io non dimentico
Scultura della serie "Io non dimentico"
Sculture opere d'arte - Io non dimentico
Scultura della serie "Io non dimentico"

Come ho raccontato nel mio recente articolo, molte sono le iniziative nate per tenere vivo un legame che altrimenti sarebbe spezzato a causa del forzato isolamento: mostre online, video, racconti. Soprattutto per gli artisti la quotidianità della creazione di opere d’arte nella prospettiva di mostre, vernissage ed eventi ha acquistato un sapore diverso. È attraverso l’incontro e la condivisione che l’arte trova infatti il suo compimento solenne.

Senza di essa, l’atto della creazione di un’opera rischia di ripiegarsi su se stesso e spegnersi tra le quattro mura del proprio atelier.

Personalmente trascorro queste giornate di isolamento forzato in studio

con una precisa sensazione: quella del bisogno di una forte rigenerazione.

Credo che qualsiasi essere umano che si trovi a vivere questa epoca si ripeta spesso: niente sarà come prima. L’artista, principale interprete del suo tempo, si trova inevitabilmente immerso in questa consapevolezza e nella presa di coscienza che la persona dovrà, in un futuro non troppo lontano, essere rimessa al centro di qualsiasi scelta, sia essa politica, economica oppure sociale.

"Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" - Gandhi

In un momento come quello che viviamo oggi possiamo scegliere: rappresentare noi stessi il cambiamento oppure aspettare che le cose cambino.

È quindi necessario cambiare ma ad una condizione: senza dimenticare.

In questo periodo ho creato una serie di sculture di arte astratta contemporanea proprio per mantenere viva la consapevolezza che niente sarà come prima. 

“Io non dimentico” è il titolo della serie. In questo articolo vi presento un’anticipazione delle prime nate.

Tra tante perdite di vite e umana sofferenza, sono giorni, questi, che rimarranno scolpiti nella memoria per rimettersi in gioco; per portare avanti quel cambiamento che, in questo momento storico, la storia esige.

Sculture opere d'arte - Io non dimentico
Scultura della serie "Io non dimentico"