Il mondo dell'arte e della cultura ha cominciato a mobilitarsi per il Sommo Poeta. Scopri con quali iniziative.
Press

Dante Alighieri: 700 anni tra cultura, arte e segreti del Sommo Poeta

Tra poco inizierà un anno speciale: i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.  Un’occasione unica per celebrare  il grande letterato italiano! Numerosi sono gli eventi culturali e artistici in Italia e nel mondo.

Saranno in grado di svelare tutti i segreti di questo personaggio leggendario?

In questo articolo ti racconterò qualcosa della sua vita, degli appuntamenti in programma nei prossimi mesi ed anche qualcosa che ho fatto in suo onore.

Una vita complicata, anche dopo la morte.

La vita di Dante Alighieri è stata una vera iperbole: la nascita a Firenze (1265), Guelfo bianco, studente di Brunetto Latini, priore dell’Arte dei Medici e degli Speziali, nemico del papa Bonifacio VIII, condannato al rogo dai Guelfi neri,  girovago in nord Italia negli ultimi 20 anni della sua vita di esiliato, capitano dell’esercito degli esuli.

Neanche dopo la sua morte, avvenuta a Ravenna nel 1321, il suo corpo ha trovato pace. Infatti le sue spoglie, che oggi si trovano nella Tomba presso la Basilica di San Francesco a Ravenna, furono trafugate nel ‘500 e ritrovate solo a metà ‘800.  

Insomma, una vita complicata, quella di Dante. Nonostante un’ esistenza durata meno di 60 anni!

Dante è stato protagonista assoluto della vita politica,  culturale e artistica del suo tempo.

Anche del tempo presente, a pensarci bene!

Dante Alighieri ha fatto parte di un'organizzazione segreta?

L’appartenenza all’organizzazione in questione,I Fedeli d’Amore, legata ai Templari, è ancora molto dibattuta e non sono mancati autori e film come “Il mistero di Dante” diretto dal Louis Nero (2014) che hanno cercato di approfondire il tema. 

Di sicuro 700 anni non sono ancora bastati per svelare i segreti di un uomo, un letterato, un artista che, ancora oggi, suscita domande ed emozioni .

Ritratto di Dante (S.Botticelli - 1495) - Coll. priv.
Un fitto programma di eventi, tra Italia ed Europa.

oltre alla solenne cerimonia del 5 settembre a Ravenna con la visita del  Presidente della Repubblica presso la restaurata Tomba di Dante,

sono davvero molte le iniziative in corso ed in programma nei mesi a venire:
  • Già in pieno lockdown il Governo ha proclamato il 25 marzo di ogni anno la giornata del Dantedì. Gli esperti individuano infatti nella data del 25 marzo 1300 l’inizio del “Cammin” della Divina Commedia; 
  • A Forlì, negli spazi dei Musei San Domenico, è in programma la grande mostra “Dante. La visione dell’arte” (dal 12 marzo al 4 luglio 2021);
  • Presso le Gallerie degli Uffizi di Firenze saranno tenuti eventi con cadenza mensile;
  • In 70 piccoli Comuni,  protagonisti della vita di Dante Alighieri o dei versi della Divina Commedia,  saranno sviluppati percorsi tematici;
  • Un’esposizione itinerante dedicata alle illustrazioni d’arte moderna degli ultimi 30 anni sulla poetica di Dante toccherà gli Istituti italiani di cultura (come quello di Londra, Madrid, Mosca);
  • Su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri, saranno sviluppati progetti teatrali e multimediali nei cinque continenti.
Dante Alighieri, visto con gli occhi del presente.

Come artista contemporanea anch’io ho voluto raccontare il mio Dante Alighieri. L’ho fatto uscendo dai tradizionali luoghi comuni. Perchè? Dante ha lasciato un messaggio che va ben oltre le descrizioni di luoghi, personaggi, situazioni che ci hanno accompagnato durante gli anni di scuola.

Non so se per te sia lo stesso ma, secondo la mia esperienza, a scuola ho imparato nomi, eventi, cronologia senza cogliere il senso profondo dell’opera di Dante. Riflettendoci su, a distanza di anni, non ero ancora in grado di comprendere davvero.

Forse, non ero ancora entrata nella “selva oscura”.

Il suo messaggio, visto con gli occhi del presente, punta dritto al cuore, svela i grandi dilemmi dell’esistenza, accompagna verso la scoperta dinamiche universali.

Per questo ho cominciato a realizzare alcune opere di arte moderna astratta (pittura e scultura) in suo onore.

Ed ecco di cosa si tratta!

  • “L’VIII cielo” è un dipinto che rappresenta l’ascesa verso il cielo delle “stelle fisse“; raccontato da Dante in alcuni canti del Paradiso
  • “L’eterno tormento” è una sintesi estrema dell’Inferno con i suoi dannati che si avvinghiano, si disperano, cercano di sfuggire dall’eterna pena.
  • “Amor che nella mente mi ragiona” è una scultura ispirata ad un  passo molto famoso del Convivio III , dedicato alla famosa amata di Dante: Beatrice.  
Cosa pensi di queste opere?
Nelle prossime settimane ti  terrò aggiornato con nuovi articoli, riflessioni, iniziative su Dante e molto altro. 

Sto già preparando qualche altra opera in omaggio al Sommo poeta! 

l'VIII cielo - 2020
L'eterno tormento - 2020
serie sguardi